Come Garantire Il Servizio Di Telefonia In Ufficio?

Moderatore: phpBB Moderatori

Messaggioda demodex456 » gio ott 25, 2007 10:01 am

Salve a tutti,

sto per installare un server asterisk in ufficio e ad un certo punto mi sono chiesto:

Nel caso in cui il server asterisk dovesse cedere, magari per una mancanza di alimentazione elettrica, come faccio a garantirmi che i telefoni dell'ufficio possano continuare a telefonare switchando sulla normale linea PSTN?

Esiste qualche dispositivo che permette lo switch in automatico per queste evenienze?

Attendo un vostro consiglio. Grazie
demodex456
PrimoLivello
PrimoLivello
 
Messaggi: 13
Iscritto il: dom lug 15, 2007 4:06 pm
Ha ringraziato: 0 volta
Hai ringraziamenti: 0 volta

Messaggioda DarknessBBB » gio ott 25, 2007 10:18 am

Un UPS non va bene?
Avatar utente
DarknessBBB
Advanced
Advanced
 
Messaggi: 193
Iscritto il: dom nov 12, 2006 5:38 pm
Ha ringraziato: 0 volta
Hai ringraziamenti: 0 volta

Messaggioda demodex456 » gio ott 25, 2007 10:47 am

si si, l'UPS c'è già.
Ma, facendo l'avvocato del diavolo, penso a qualsiasi tipo di guasto e quindi mi pongo la domanda su come fare in caso di guasti.

Inoltre, penso che questa domanda se la pone anche chi implementa una soluzione tipo Fritz!Box o altri dispositivi.

Se si rompe qualcosa?
Se si rompe l'UPS o l'alimentatore e manca la corrente?
Se si miss-configura l'apparato o il server?
Se...?

Ci deve pur essere una risposta a queste domande per garantire l'affidabilità di un sistema. No?

Alla fine basterebbe uno switch automatico esterno al server con le linee collegate anche ad esso, ma non so dove cercare :|

Nessuno si è mai posto questo problema?
demodex456
PrimoLivello
PrimoLivello
 
Messaggi: 13
Iscritto il: dom lug 15, 2007 4:06 pm
Ha ringraziato: 0 volta
Hai ringraziamenti: 0 volta

Messaggioda starlab » gio ott 25, 2007 11:47 am

La migliore soluzione è la gestione dei centralini Asterisk in High Availability con cluster syncronization, in questo modo, senza che ti accorgi di nulla, tutto continua a funzionare. Si potrebbe eventualmente ipotizzare anche un sistema di HA per i gateway esterni e gli switch, ovviamente i costi aumentano in modo esponenziale, ma hai un'affidabilità senza eguali.

Alternativa molto economica e senza pretese, potrebbe essere quella di usare dei cordless siemens C450IP S450IP C475IP ecc dove puoi connettere sia la lan che una linea analogica diretta e utilizzarla come failover in caso di guasto.
Certificato Digium-Certified Asterisk Professional (dCAP)
Certificato Inalp Patton
Snom Certified Engineer
Avatar utente
starlab
Guru
Guru
 
Messaggi: 1707
Iscritto il: sab feb 18, 2006 10:33 am
Località: Torino
Ha ringraziato: 1 volta
Hai ringraziamenti: 5 volte

Messaggioda MrDish » gio ott 25, 2007 2:55 pm

Oppure un bel contratto di assistenza h24 (fatti pagare bene), così se le cose si mettono male, prendi, vai ed in circa 30 minuti risolvi il tutto. :lol: :lol:
Ovvio che un buon sistemista conosce tutti i trucchi del mestiere, giusto? :roll: :wink: :?:
Avatar utente
MrDish
Advanced
Advanced
 
Messaggi: 224
Iscritto il: mer ago 30, 2006 2:38 pm
Località: Forlì
Ha ringraziato: 0 volta
Hai ringraziamenti: 0 volta

Messaggioda demodex456 » gio ott 25, 2007 3:10 pm

Grazie starlab, faccio alcune considerazioni:

starlab ha scritto:La migliore soluzione è la gestione dei centralini Asterisk in High Availability con cluster syncronization, in questo modo, senza che ti accorgi di nulla, tutto continua a funzionare. Si potrebbe eventualmente ipotizzare anche un sistema di HA per i gateway esterni e gli switch, ovviamente i costi aumentano in modo esponenziale, ma hai un'affidabilità senza eguali.


Senza ombra di dubbio questa è la soluzione che pone fine al problema ma richiede ingenti risorse finanziare e tecnologiche per lo sviluppo. Considerando che serve avere lo stesso HW per ogni nodo del cluster (minimo due PC con stesse porte FXO e FXS), in più un cablaggio ridondante e due connessioni wan per raggiungere i carrier VoIp, più router WAN e switch LAN ridondati.

starlab ha scritto:Alternativa molto economica e senza pretese, potrebbe essere quella di usare dei cordless siemens C450IP S450IP C475IP ecc dove puoi connettere sia la lan che una linea analogica diretta e utilizzarla come failover in caso di guasto.


Questa soluzione sarebbe un'alternativa molto meno costosa anche se richiede la sostituzione di tutti i telefoni preesistenti + l'agginta di un nuovo cablaggio LAN da portare sulla seconda porta dei telefoni nuovi Siemens. In ultimo, se manca l'energia elettrica, i telefoni Siemens continuano a funzionare con la tradizionale PSTN/ISDN? Oppure hanno bisogno di un'alimentazione elettrica continua? Per la commutazione della linea è indispensabile effettuarlo manualmente oppure lo fa in automatico?

Durante la mia ricerca ho trovato due soluzioni interessanti :

- la prima riguarda il prodotto "Asterisk USB Channel Bank" che va collegato al server Asterisk via USB ed ha un'alimentazione propria. Il prodotto ha dei banchi di porte con un numero variabile per consentire connessioni FXS e FXO e permette configurazioni per ogni esigenza. Purtroppo non so ancora come si comporta in caso di mancanza di energia elettrica.
Link al prodotto: Asterisk USB Channel Bank - ( http://www.xorcom.com/products/astribank )

- la seconda soluzione è senz'altro quella che più si avvicina ad essere la migliore candidata per la soluzione del problema relativo alla "mancanza di energia elettrica". Si tratta di un dispositivo che va posto prima del telefono tradizionale e ha tre tipi di connessioni: due per collegare due linee, 1 linea VoIp e 1 linea PSTN/ISDN, un pò come per i telefoni Siemens, e 1 connessione per il telefono. Quello che ha di bello, oltre la possibilità di poter utilizzare la linea che si vuole in qualsiasi momento, è che se manca l'energia elettrica il dispositivo si spegne e switcha il telefono sulla seconda linea ad esso collegata, permettendo quindi di continuare a telefonare sulla linea tradizionale. Lo svantaggio probabilmente è nel costo del dispositivo moltiplicato per il numero di telefoni presenti in ufficio. Ma se lo confrontiamo alla soluzione che vede la sostituzione dei telefoni vecchi con i telefoni Siemens, credo che la spesa sia più o meno quella ma con l'evidente vantaggio di continuare a telefonare anche in assenza di energia elettrica.
Link al prodotto: AX520 - 2-Line Switch - ( http://www.artech.com.tw/showdetail.php?id=93&lang=EN )

Quello che io vorrei è qualcosa più simile al dispositivo "Asterisk USB Channel Bank" con le caratteristiche off-line dell'AX520. Ma forse non esiste ancora qualcosa del genere.

Chi ha la soluzione è benvenuto!
demodex456
PrimoLivello
PrimoLivello
 
Messaggi: 13
Iscritto il: dom lug 15, 2007 4:06 pm
Ha ringraziato: 0 volta
Hai ringraziamenti: 0 volta

Messaggioda gunny » gio ott 25, 2007 3:20 pm

Ciao, ho adottato questa soluzione: considerando il fatto che la maggior parte delle volte il problema e' software ho dotato la macchina di due cassetti con due hard disk. In entrambi c'e' Asterisk configurato (nel disco B c'e' l'immagine di A). I cassetti sono gestiti da una chiavetta di attivazione e sono impostati entrambi su master. In caso di problemi o di malfunzionamento chiunque in sede puo' spegnere il pc, disabilitare con la chiave il disco A e abilitare il disco B. All'accensione tutto riprende a funzionare regolarmente salvo problemi hardware naturalmente. ciao Gunny
gunny
Beginner
Beginner
 
Messaggi: 78
Iscritto il: ven ago 04, 2006 1:03 pm
Ha ringraziato: 0 volta
Hai ringraziamenti: 0 volta

Messaggioda demodex456 » gio ott 25, 2007 3:39 pm

MrDish: il contratto di assistenza c'è ma se non hanno energia elettrica io cosa gli faccio? :lol:



Grazie gunny per il suggerimento.

La tua è una soluzione da tenere in considerazione anche se purtroppo presume la presenza dell'energia elettrica. Dopo aver messo UP il server non hai l'energia elettrica per alimentare il router wan e quindi resti senza VoIp e senza telefoni!

Per ovviare servirebbe un UPS in grado di mantenere tutto alimentato per tutta la durata del guasto elettrico, a volte di breve durata e altre volte di durata indeterminata. Questo tipo di guasti quando avvengono non sono ne prevedibili ne puoi sapere quanto tempo occorre per ripristinare tutto.
Il punto è questo: il Cliente sa per certo che la mancanza di energia elettrica non gli avrebbe interdetto il telefono in condizioni tradizionali, con Asterisk invece non può telefonare perchè l'intero sistema dipende dall'energia elettrica.

E' un bel problema.
demodex456
PrimoLivello
PrimoLivello
 
Messaggi: 13
Iscritto il: dom lug 15, 2007 4:06 pm
Ha ringraziato: 0 volta
Hai ringraziamenti: 0 volta

Messaggioda MrDish » gio ott 25, 2007 3:42 pm

Per quello esiste un buon UPS.
Ricorda che far spendere soldi inutilmente ad un cliente può essere causa di malessere del suddetto e quindi perdita della fiducia dello stesso.
Se l'azienda vive di telefono (call-center) è una cosa (allora HA è la soluzione sine qua non), altrimenti il consiglio migliore è quellodi dotarsi di un buon gruppo di continuità, tipo APC, ed eventualmente di uno di backup, sempre pronto.
Questo è il consiglio che farà rimanere tuo e fedelmente il cliente a cui lo darai.
:lol: :P
Avatar utente
MrDish
Advanced
Advanced
 
Messaggi: 224
Iscritto il: mer ago 30, 2006 2:38 pm
Località: Forlì
Ha ringraziato: 0 volta
Hai ringraziamenti: 0 volta

Messaggioda mariom79 » gio ott 25, 2007 4:34 pm

Il problema potrebbe essere espanso in ....una volta garantito il perfetto funzionamento di asterisk con cluster, UPS, ecc ....se salta la corrente, chi alimenta gli switch di rete e i telelefoni o gli adattatori ??? ....e ammesso di trovare uno switch telefonico intelligente che se non c'e' asterisk commuta su linea tradizionale, se viene a mancare tensione chi alimenta lui e l' eventuale centralino ISDN/PSTN collegato ai telefoni. Un punto critico nel sistema c'e' sempre bisogna solo spostarlo nella situazione piu' facilmente gestibile.
Avatar utente
mariom79
Beginner
Beginner
 
Messaggi: 36
Iscritto il: gio gen 26, 2006 11:53 am
Località: Faenza (RA)
Ha ringraziato: 0 volta
Hai ringraziamenti: 0 volta

Messaggioda zob » gio ott 25, 2007 4:50 pm

...bhè potresti anche aggiungere un generatore diesel ridondante, uno switch POE, e un paio di gateway GSM a + sim sulle quali hai anche deviate automaticamente le chiamate sui numeri geografici se non risposte :shock:
zob
Beginner
Beginner
 
Messaggi: 36
Iscritto il: gio gen 25, 2007 2:08 pm
Ha ringraziato: 0 volta
Hai ringraziamenti: 0 volta

Messaggioda demodex456 » gio ott 25, 2007 5:14 pm

MrDish sono assolutamente daccordo con te ma, un gruppo di continuità APC in grado di garantire una copertura che va oltre il tempo dei classici 30 minuti costa ben oltre i 2.000,00. Circa un anno fa ho personalmente speso 8.500,00 euro per tenere alimentati alcuni server con un'assorbenza energetica di circa 2Kw e con una copertura di 24h grazie all'ausilio di una batteria aggiuntiva.
Sinceramente il cliente lo perdo solo se glie ne parlo! Questo perchè dalla sua c'è il fatto di essere consapevole che la linea telefonica non si interrompe quando manca l'energia elettrica localmente (ufficio, edificio, strada).

Vincere i clienti sul VoIp non è cosa facile quando un contratto Teleconomy consente di avere i medesimi risparmi senza scocciature e ancora di più senza ulteriori investimenti. E' un pò il cane che si mangia la coda. E poi (IMHO) non si può dire al cliente di creare un'infrastruttura che non ha (Cluster, UPS ecc.) illudendolo di risparmiare sui costi di telefonia quando dietro l'angolo i grossi gestori ti danno il VoIp e nemmeno te ne accorgi.
Io sinceramente non vendo sistemi VoIp perchè si risparmia sui costi di telefonia, questo ormai non è più vero. :| Secondo me il VoIp si vende perchè offre più possibilità di configurazione e integrazione con le applicazioni e i processi aziendali.



mariom79 ha scritto:....e ammesso di trovare uno switch telefonico intelligente che se non c'e' asterisk commuta su linea tradizionale, se viene a mancare tensione chi alimenta lui e l' eventuale centralino ISDN/PSTN collegato ai telefoni. Un punto critico nel sistema c'e' sempre bisogna solo spostarlo nella situazione piu' facilmente gestibile.


Vero, appunto cerco qualcosa che abbia le caratteristiche del prodotto AX520 della Artech. Ovvero se va via l'energia elettrica si commuta sulla linea tradizionale.

Lo svantaggio, come ho già detto, è nel costo che bisogna moltiplicare per il numero di telefoni su cui intervenire.
demodex456
PrimoLivello
PrimoLivello
 
Messaggi: 13
Iscritto il: dom lug 15, 2007 4:06 pm
Ha ringraziato: 0 volta
Hai ringraziamenti: 0 volta

Messaggioda stefano.77 » gio ott 25, 2007 6:25 pm

chiedo scusa, io sono "nuovo" in questo campo.
Ho un centralino isdn che è configurato in maniera tale che se salta la corrente funziona solo un telefono (il principale) ma almeno funziona.
Certo non è la soluzione migliore, ma almeno funziona. Nel senso che almeno ho una linea.
Tutto questo si può fare se mantengo almeno una linea PSTN di mamma telecom oppure di altro gestore "sicuro".
Il voip conviene, ma ...
in questi casi si potrebbe rimpiangere i grandi gestori.
Comunque è anche vero che se hai l'ISDN, senza corrente hai comunque problemi!
saluti saluti
stefano.77
Advanced
Advanced
 
Messaggi: 185
Iscritto il: gio mar 23, 2006 10:35 pm
Ha ringraziato: 0 volta
Hai ringraziamenti: 0 volta

Messaggioda itabb » gio ott 25, 2007 6:34 pm

Scusate ma se viene la 3 guerra mondiale e il maremoto?

anche la telecomitalia non è immune da guasti


io penso che come emergenza il meglio sia il normale cellulare perchè si è visto che in casi disperati di grandi calamità i GSM hanno funzionato non dico benissimo ma piu decentemente di altri sistemi piu costosi

magari fai un abbonamento di quelli nuovi con il numero fisso sul celulare.


Se proprio vuoi migliorare la sicurezza voip oltre al gruppo continuità puoi prendere 2 adsl e metterle dentro un router dual-wan o multi-wan che te le aggrega.

il risultato è ottimo solo che ho dei problemini a entrare su vocesuip perchè il server crede che la mia 2a adsl sia un furbino di haker che tenta di entrare a sbafo al posto mio... hehehhehehehheh
Avatar utente
itabb
Expert
Expert
 
Messaggi: 866
Iscritto il: mar giu 05, 2007 11:03 pm
Ha ringraziato: 0 volta
Hai ringraziamenti: 2 volte

Messaggioda DarknessBBB » gio ott 25, 2007 7:58 pm

Io tengo sempre nel cassetto una radio AM e una torcia :P :lol:

Scherzi a parte, investire oltre una certa cifra per me non vale la pena, neanche per i call-center, sia perché l'ammortamento si protrae per un tempo che raggiunge gli anni, sia perché non si è mai al riparo da guasti indipendenti dall'azienda. Per es. noi abbiamo tre PBX ognuno con un PRI di un gestore diverso (Telecom, Wind, Fastweb). Ebbene, hai voglia di avere ridondanza e generatori diesel, ma se un tecnico in centrale per trovare un box libero si testa tutti i doppini ecco che tutto cade contemporaneamente. Noi in tanti anni abbiamo avuto due soli eventi "catastrofici": un incendio e un blackout di 48 ore. Vi posso confermare che la perdita maggiore si ha per quei 5-20 minuti di down giornalieri piuttosto che per altro. :evil:
Avatar utente
DarknessBBB
Advanced
Advanced
 
Messaggi: 193
Iscritto il: dom nov 12, 2006 5:38 pm
Ha ringraziato: 0 volta
Hai ringraziamenti: 0 volta

Prossimo

Torna a Asterisk

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron